Ristorante Pizzeria Via Roma

Qualsiasi sport all'aria aperta tutto l'anno. questo potrebbe essere uno slogan per meglio pubblicizzare le bellezze naturalistiche del territorio finalese; infatti in questo lembo di terra della Liguria di Ponente l'appassionato di sport come mountainbike, trekking, orientering, deltaplano, solo per citare i più conosciuti o più praticati, trova qui l'ambiente ottimale ed i posti paesaggisticamente più belli per ritemprare quelle energie psicofisiche che migliorano la qualità della vita, troppo spesso minata dalla vita frenetica di tutti i giorni. Le tormentate vicissitudini del territorio finalese durante il lungo susseguirsi delle ere preistoriche hanno lasciato tali profonde e sconvolgenti trasformazioni sul territorio da rendere oggi quasi unici ed irripetibili le sensazioni di bellezza e stupore per le infinite sfumature di colori e contrasti quando l'occhio rivolge lo sguardo verso il mare o verso le montagne, in una armoniosa ed indissolubile dualità. Naturalmente tutto questo lo si può vivere in prima persona, a patto di immergersi completamente nel territorio con animo aperto e solamente con i mezzi cosidetti a trazione umana. senza pensare ad alcunché che ad essere parte di quella natura che ci avvolge sempre con le sue luci, i suoi colori, i suoi profumi, le sue melodie e le sue infinite sfumature.
Se ci capita di visitare Finalborgo, ci si accorge subito della presenza di moltissimi turisti, che durante tutto l'anno, con sgargianti ed inusuali abiti di foggia molto tecnica, attraversano le principali arterie: questi sono i climbers. Il Finalese, grazie alla sua tormentata orografia, alternata da formazioni rocciose in pietra del Finale ed alte pareti a strapiombo, è uno dei luoghi naturalisticamente più suggestivi di tutta la Riviera Ligure, ma è anche una delle mete più ambite per il mondo dei climbers di tutta l'Europa e del Mondo; infatti qui, dove il mare e l'Appennino Ligure si incontrano, vi sono le condizioni morfologiche e climatiche migliori ed ottimali per poter praticare questo sport moderno, ma non troppo, per quasi tutto l'arco dell'anno senza soluzione di continuità. Questo sport, ormai facente parte di un modo genuino di accostarsi alla natura incontaminata ed alla voglia di ascendere e confrontarsi principalmente con se stessi, ma anche con chi condivide in quel momento la tua avventura, ha incominciato a muovere i suoi primi passi sul nostro territorio agli inizi degli anni sessanta e, grazie all'impegno dei primi climbers e degli appassionati di allora e di oggi, si è evoluto in modo costante e significativo, sia attraverso la costante messa in sicurezza delle oltre quattrocento vie disponibili, sia attraverso l'utilizzo delle nuove tecniche e materiali che l'esperienza e la tecnologia mettono a disposizione. Naturalmente quello che oggi può trovare lo sportivo è stato il frutto di ampie vedute di intenti e lungimiranza di alcuni leader che di questo sport hanno fatto quasi una regola di vita. Infatti, nonostante un minimo di impatto ambientale vi sia stato e vi è, sul nostro territorio è stata sempre privilegiata una visione come quasi di riserva protetta, attuata anche con accordi intercorsi tra le varie Assocazioni che si interessano della salvaguardia flori-faunistica del finalese, forse unici esempi nel suo genere, atta a salvaguardare alcune peculiarità proprie di queste zone, come alcune specie di volatili che trovano rifugio sulle nostre pareti a strapiombo. Non ultima ricordiamo l'attivazione e l'operatività di una sezione di Finale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, che, tra mille difficoltà di carattere burocratico, offre un servizio volontario di pronto intervento in caso di difficoltà di qualsiasi climber e protezione civile nell'arco delle ventiquatto ore con tempi di reazione ristretti.

Fonte: Finalborgo.it

Copyright By Hotel Natalina 2020 Finale Ligure Tel +39 019 69 23 61 - P. I. 00992930099 - Powered by: Inside Web